Valerio Chetta – pianista

Valerio Chetta (pianista): nasce nel 1974 a Scandiano (RE). All’età di 9 anni intraprende lo studio del pianoforte, sotto la guida della maestra Mariagrazia Lazzarini. Frequenta poi per cinque anni il Conservatorio Musicale “A. Peri” di Reggio Emilia. Parallelamente si dedica allo studio della chitarra, suonando nel gruppo “Olga dei Falò”, con il quale incide due album di genere progressive e sperimentale. Continua intanto il perfezionamento degli studi di pianoforte classico con la Maestra Cristina Bersanelli (Conservatorio “A. Boito” di Parma). Successivamente, nel 2002, si avvicina alla musica jazz, frequentando lezioni di armonia funzionale e didattica pianistica con il maestro Andrea Papini (Reggio Emilia), lezioni di pianoforte classico e jazz con il maestro Davide Fregni (Modena) e frequentando seminari con il maestro Antonio Ciacca, docente presso la Berkley School (Tuscia in Jazz 2010) e con il grande Barry Harris. Dal 2010 si interessa delle tecniche di organo hammond, partecipando ai seminari con il maestro Alberto Marsico (Torino).

Ha suonato, tra gli altri con: Adriano Molinari (Zucchero), Glauco Zuppiroli (Vinicio Capossela), Carlo Atti, Alessandro Minetto, Aldo Bassi, Andrea Papini, Lucio Caliendo (Paolo Conte), Pippo Guarnera, ecc., all’interno di rassegne classiche e jazz, in locali e sale da concerto in Italia e all’estero. Negli ultimi anni si avvicina alla musica corale sacra e gospel, accompagnando cantanti solisti e gruppi corali. Intraprende inoltre l’attività didattica del pianoforte per privati, e collabora con il cantante lirico Giovanni Coletta nell’ambito della didattica canora presso il centro di formazione per danza e teatro STED (Modena). Dal 2012 si interessa alla didattica della musica per l’infanzia, partecipando a seminari di insegnanti del metodo Orff quali Ciro Paduano e Marcella Sanna, e a seminari di danze per bambini guidati da Cristina Casarini, France Burque-Moreau (Canada) e Sara Calzetti, e tenendo laboratori in alcune scuole d’infanzia di Modena.